Archivi giornalieri: 11 agosto 2015

Danzando tra le spine

A volte guardo la vita e sono attraversata da un brivido di non senso.
Mi guardo intorno e sento le parole del replicante di Blade Runner: “… e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.”
Scorriamo via, scorrono le nostre vite, ciò che di quelle vite abbiamo fatto… Siamo noi, il nostro mondo, e passerà.
Quel brivido di non senso raffredda, mette distanza, crea estraneità.

“Egli avanzò. Tornato.
Senza respiro stiè: su quella vetta,
senza ringhiera. Ed in possesso, alfine,
d’ogni Dolore, -assortamente, tacque.”
Rilke, “La discesa di Cristo all’Inferno”, da: Frammenti e Ultime poesie

È un percorso, ripetuto, che inizia con la consapevolezza del dolore, del male, della morte e prende molte strade. A volte distruttive, a volte piene di vita.
Dopo il silenzio, quando lo sguardo si alza nuovamente sul quotidiano che scorre, arriva un nuovo senso di pienezza leggera, di calore, di gioia grave.
Quel brivido di non senso è fonte di vita. Senza quel freddo, non sapremmo cogliere l’infinito nel qui e ora.
Danziamo, fragili e vulnerabili, tra le spine della vita. E la danza, danzata con chi amiamo, danzata insieme a tutte le persone che danzano con noi, ci porta oltre il non senso, oltre le spine, nella pienezza del vivere.

Questo corto è un gioiellino di poesia.