L’estate è un po’ come il Natale

L’estate è un po’ come il Natale: è facile sentirsi fuori sintonia.
Raccolgo parole e stati d’animo di chi si sente fuori dal coro vacanziero, di chi -sofferente nel corpo, nella mente- sente sulle spalle un fardello che non trova riposo.
Questo è un post per chi non va in vacanza. Per chi odia l’estate, il suo caldo e le zanzare che innervosiscono le notti.
È un post per chi sente salire la rabbia, l’insoddisfazione, la delusione, e ci deve fare i conti senza scorciatoie, tantomeno scappatoie.
Perché è un attimo farsi prendere dalla rabbia, quando la vita non va come vorresti.
M. è arrabbiato. Realizza che sono passati tanti anni… tanta vita, in un soffio. Sconcertante.
È andata come è andata, così; è passata rincorrendo mete e scavalcando scontenti, pensando di avere tempo per rimediare, correggere, pensando agli anni a venire come a una soluzione, un traguardo raggiunto il quale finalmente sarebbe arrivata la serenità, il tempo del raccolto e del godersi i frutti.
“Come ho potuto essere così ingenuo?”
Con gli occhi di oggi, è facile scorgere l’errore.
“Se morissi ora, avrei rimpianti. Non sono in pace con la vita così come è andata. E ho paura del mio scontento: non mi piace sentirlo, capisco che non mi aiuta. Ma c’è, e non posso far finta di niente. In qualche modo lo devo maneggiare perché smetta di farmi male. Lo devo accogliere senza farmi divorare.”
Penso a quanta rabbia ascolto nelle mie giornate, e ancor di più a quanto scontento.
M. ha ragione: quelle emozioni così forti non possono essere lasciate libere di distruggere le giornate, svuotandole di luce, ma neanche si possono liquidare facilmente.
Vanno ascoltate, sì. Ma senza colludere con loro.
Non è facile: ci vuole un paziente lavoro per separare il grano dal loglio.
Perché qualcosa, in quelle rabbie e in quegli scontenti, va accolto e per quel qualcosa va cercata una risposta.
Non risposte facili né consolatorie, ma piccoli passi alla ricerca di senso, di valore, di un equilibrio in cui alla fine anche il loglio trova il suo posto: parte del tutto, non più intralcio.
M. dice che sta imparando ad accogliere le ondate di rabbia: quando arrivano, accetta che quel tempo andrà così. Possono essere ore, o giorni. Ha smesso di contrastarle, ha sperimentato che la strategia “ha da passà ‘a nuttata” è più efficace della ribellione. Accoglie, non collude.
Così, oggi desideravo condividere la fatica di M., ma anche la testimonianza di un sentiero possibile che porta fuori dalle notti buie dell’anima.
A M. e a tutti gli arrabbiati dedico questo post. A chi è triste a Natale o a Ferragosto. A chi fatica per trasformare le fatiche in equilibrio; a chi si impegna per trasformare la rabbia in vita, senza buttarla addosso agli altri. A chi prova invidia per vite che sembrano essere più felici, ma non alimenta quel sentimento, non si rode e cerca di concentrarsi su ciò che di buono c’è nella sua.
A chi non può postare foto di vacanze; a chi è solo, a chi ha paura.
E a tutti quegli esseri umani che cercano faticosamente una strada per dare forma alla loro vita, e per esserne pacificati.

10 pensieri su “L’estate è un po’ come il Natale

  1. Furtivamente

    Hai un compito sicuramente difficile nel tuo quotidiano confronto con la realtà ‘ospedaliera’. Metto gli apici in quanto non sono sicuro del tuo lavoro ma penso sia assimilabile a quel tipo di struttura.
    Ciò che descrivi è un atteggiamento dell’ Uomo vs. la Vita che ci portiamo dentro tutti. Fino a quando tutto va bene non ci accorgiamo nemmeno della bellezza e profondità di questo dono che ci è stato fatto.
    La Vita va presa e compresa per quello che è ! Mai arrabbiarsi e accogliere tutto quanto cercando sempre di dare un senso ai percorsi anche tristi e nuvolosi del nostro esistere. Vivo spesso di ricordi di persone che non ci sono più e ricordo ancora i momenti prima che tutto finisse.
    La Vita alle volte è beffarda ma e anche la nostra unica chance !

    Piace a 1 persona

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Si, lavoro in ospedale e in un’équipe di cure palliative domiciliari.
      È vero, non ci si dovrebbe arrabbiare, ma questo accade a tutti, e ritrovare la calma e il contatto con la bellezza della vita è un percorso spesso molto difficile.
      Stare accanto a persone malate o morenti aiuta a riflettere e a cercare di vivere meglio la nostra vita. Perché è davvero la nostra unica chance! 🙂

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.