La prigione del giudizio

Il giudizio è un’arma letale, a doppio taglio. E ci riguarda tutti.
Perché troppo spesso pensiamo di essere lucidi, di formulare opinioni dopo attente riflessioni mentre siamo imprigionati da emozioni che dettano i nostri pensieri.
Le nostre “attente riflessioni” sono emozioni vestite da pensieri, molto più spesso di quanto ci piace credere.
Siamo tristi e facciamo pensieri cupi, siamo allegri e i nostri pensieri si aprono a visioni più aperte, siamo spaventati e pensiamo male dello sconosciuto che ci passa a fianco.
E quando le emozioni durano, quando costituiscono un fondo più o meno costante, anche i pensieri si strutturano maggiormente, e si formano giudizi radicati, non più scalfibili da argomentazioni razionali.
Ieri parlavo con un uomo, molto provato da una disabilità a cui fa la guerra. È triste, sfiduciato; si sente umiliato dalla sua dipendenza, ed è arrabbiato. Racconta di una moglie che è diventata una perfetta badante, ma che non lo capisce, e lui si sente solo. Giudica una moglie che ama.
Ascolto poi le parole della moglie, speculari: anche lei giudica un marito che ama, e si sente sola nel suo dolore, incompresa.
Da fuori, vedo due persone che si amano e, pur amandosi, si ritrovano imprigionati da un dolore che li isola: ognuno vede la sua parte e giudica l’altro: “non capisce, è insensibile, non si rende conto…” così il giudizio sull’altro si rafforza, e stringe sempre di più la sua morsa sul giudicato, ma anche sul giudicante.
Il giudizio sull’altro diventa un muro invalicabile, che a sua volta alimenta ostilità e crea fratture sempre più ampie. Può accadere anche in poco tempo, e l’amico diventa un nemico. E nemico diventa il marito, la moglie, il collega…
Il giudizio è un’arma letale che fa solo danni, e lascia morti e feriti su entrambi i fronti.
E il guaio è che noi finiamo con l’essere aggrappati ai nostri giudizi perché li consideriamo giusti e sacrosanti e, se noi siamo nel giusto, sono gli altri che inevitabilmente sbagliano.
Così, quel senso di essere nel giusto ci frega, ci imprigiona in una solitudine invalicabile e rabbiosa.
È un circolo vizioso perfetto: chiusi nelle nostre ragioni, smettiamo di vedere l’altro, i suoi bisogni, la sua solitudine. Più siamo chiusi più si chiude il canale dell’empatia, dell’affetto, dell’amore. Più si chiude quel canale più ci sentiamo soli, ingiustamente incompresi, arrabbiati, delusi. Rafforziamo i nostri giudizi, la solitudine, e siamo sempre più distanti dall’altro.
L’isolamento genera rabbia, rancore, e chiude la porta in faccia a chi più amiamo.
E pensare che la chiave di quella porta è nelle nostre mani, facile da prendere eppure difficilissima.
Perché la chiave è un atto totalmente contro-istintivo: alzare lo sguardo dal proprio dolore e guardare il dolore dell’altro; mettere da parte per un po’ i propri bisogni e provare ad ascoltare i bisogni dell’altro… incontrare l’altro nella sua umanità, nel suo dolore, nel suo bisogno, riapre le porte della comunicazione, dell’empatia…. fa sbollire la rabbia, avvicina, mette calore nel freddo.
Non devo sforzarmi di andargli incontro, perché quando vedo l’altro nella sua umanità la mia naturale empatia crea ponti, sentieri che mi rendono più semplice avvicinarmi. E più mi avvicino, meglio sto.
L’isolamento, generato dal dolore, genera isolamento. Alzare lo sguardo sull’altro e sui suoi bisogni, andare oltre i nostri giudizi, apre le porte della prigione e ci fa sentire nel cuore pulsante della vita. Lì, amiamo e siamo amati. Lì l’amore ci salva e ci consola dal dolore della vita.

9 pensieri su “La prigione del giudizio

  1. Marco SognatoreFallito

    Bellissima la prima parte e ,come ti anno già scritto, “sembrano scritti per me, da tempo in un periodo davvero difficile”.
    Mentre poi sei caduta nel miele fiabesco tipico di chi non sa cosa significa badare a un invalido, intendo non come infermiera o come figlia, bensì come moglie.
    Secondo me hanno entrambi ragione. Entrambi sono arrivati al culmine, al massimo sopportabile MA,per entrambi, NON E’ ABBASTANZA.
    Non si tratta di torto o ragione, si tratta di *troppo*. La vita arriva a chiedere ciò che per un essere umano è troppo.
    La mente umana chiede troppo.
    C’è chi si separa per molto molto molto molto molto meno.

    L’unico modo per andare avanti è accettare il fatto che non ne saremo contenti. Mai. Come non si è contenti di essere disabile ma è così oppure è sempre così, allo stesso modo si deve accettare (soprattutto chi dei 2 non ha alternativa) di vivere un rapporto che non è ciò che vorremmo. Ma è così.
    Non c’è sempre una soluzione a tutto: ci sono cose che sono così anche se non ci piacciono.

    Mi piace

    Rispondi
    1. sguardiepercorsi Autore articolo

      Non è miele fiabesco. È un percorso che molte persone compiono. Lavoro in quelle realtà, so benissimo cosa significa. E quando parlo dell’amore lo faccio perché vedo che le persone che in qualche modo ce la fanno a reggere, riescono proprio grazie a quello. Il che non significa un lieto fine tutto rosa. È un dolore quotidiano, ma molti riescono a renderlo vivibile senza incattivirsi. Molti, non tutti.
      Ognuno fa quel che può, che riesce a fare.

      Piace a 1 persona

      Rispondi
  2. yourcenar11

    Sto leggendo i tuoi post, che sembrano scritti per me, da tempo in un periodo davvero difficile. Nonostante la sofferenza, cerco di rimanere viva e connessa con il contesto familiare, con le amiche (viva Whatsapp) e con il resto del mondo. Mi hai colpito quando parli degli stati d’animo e delle emozioni che si trasformano in “pensieri” e si cristallizzano poi in giudizi. Non ti ringrazierò mai abbastanza delle riflessioni e dei passi avanti che faccio dopo averti letto!
    Ciao cara! 🌸 Cristina

    Piace a 2 people

    Rispondi
  3. ogginientedinuovo

    Ricordo mio padre, prigioniero delle sue paure e dei suoi stati depressivi, stare meglio, fisicamente – emotivamente – mentalmente, quando ha dovuto prendersi cura di mia madre durante una malattia di lei, grave e lunga che pareva dovesse portarcela via: riconoscere la sofferenza della moglie, cercare di alleviarla, pensare al benessere di lei invece che al suo proprio, lo aveva reso – paradossalmente – più sereno, più attivo e meno incattivito con il mondo.
    Isolarsi, fisicamente e/o mentalmente, è sempre difficile e non porta mai nulla di buono, vero?

    Piace a 2 people

    Rispondi

Rispondi a sguardiepercorsi Annulla risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.