Quando la realtà si fa dura…

“Non ho avuto una bella vita”: inizia così il racconto della sua storia. 
“Non mi aspettavo che potesse andare così”; “non vedevo l’ora di andare in pensione per cominciare a…”; “a cosa è servito lavorare e sacrificarsi tanto?”…
Molto spesso ascolto parole come queste, raccolgo lo sconcerto, il dolore o la rabbia per la vita che ha tradito le aspettative, che ha portato fardelli anziché doni. 
E mi colpisce lo sconcerto: come se nella vita la normalità fosse morire molto anziani, dopo aver goduto al massimo la vita, e come se ogni scarto da quella normalità fosse un affronto personale ingiustamente patito, immeritatamente arrivato.
La normalità è invece ricca di sfumature e di possibilità, felici o tristi che siano, in un mix bilanciato o fortemente sbilanciato in un senso o nell’altro.
Vedo percorsi sfortunati tutti i giorni, e come nella savana il leone atterra una gazzella mentre le altre scappano, così la vita atterra uno di noi mentre gli altri continuano la loro vita. Fino al leone successivo. 
Portiamo avanti le nostre vite cercando di scampare i pericoli e sperando che vada tutto bene.
Però abbiamo bisogno di una visione della vita che inglobi anche ciò che non vorremmo accadesse mai. Non dico che dobbiamo pensare sempre al peggio, ma neanche credere che andrà sempre e solo bene. Non è un invito ad essere pessimisti, abbiamo soltanto bisogno di non arrivare impreparati quando qualcosa va storto, abbiamo bisogno di non stupirci ma di tirar fuori tutte le risorse possibili per affrontare le difficoltà. Tante, troppe energie vanno a finire in sconcerto, lasciando le persone impigliate nelle reti di visioni del mondo irrealistiche.
È difficile tenere l’equilibrio tra paure e speranze, tra sentieri liberi e ostacoli che sbarrano il passaggio: quando voli non vorresti mai pensare alle cadute, e quando cadi vorresti solo poter riprendere a volare. Tutti vorremmo essere felici il più possibile, ma non va sempre così.
Combattiamo per essere felici, e a volte accade, altre volte no.
E quando non accade, allora arrendersi a ciò che c’è così com’è -e non come vorremmo che fosse- resta la strada più costruttiva, e spesso conduce verso aperture imprevedibili. 
È faticoso stare nella realtà, però aiuta.

11 pensieri su “Quando la realtà si fa dura…

  1. Manuel Chiacchiararelli

    Viviamo pensando di avere tutto il tempo possibile, come se il diventare vecchi ci fosse garantito.
    eh, non è garantito neanche il domani, per questo non si dovrebbe mai rimandare.
    “Per non morire scoprendo di non aver vissuto” diceva qualcuno, e io ho sempre appoggiato questo pensiero.
    E, adesso, non ho più rimorsi o rimpianti… che venga o non venga domani…

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  2. walter

    Quando ci si lamenta della vita bisognerebbe pensare che se si è in grado di lamentarsi vuol dire che non è ancora finita, che c’è ancora un futuro e che potrebbe riservare risvolti positivi. Non bisogna fare un bilancio definitivo prima della fine e dopo la fine lo faranno gli altri ma senza avere tutti gli elementi per giudicare.

    Piace a 1 persona

    Rispondi
  3. Marco SognatoreFallito

    Io ti auguro con tutto il cuore che ti vada sempre tutto bene, però….guarda… io di recente ho visto le cose cambiare come mai avrei pensato potesse accadere (proprio a me, intendo).
    E ci si sente presi in giro dalla vita, da dio.
    Viviamo in un’epoca dove non esiste più solo il lavoro e la valle di lacrime, bensì oggi esiste il tempo libero e i soldi per goderne. Fino anche a diventare un po’ anche schiavi di questo “benessere a tutti i costi”: essere felici è un must, si fa a gara su chi ha viaggiato di più, su chi ha la vita più bella e felice.
    Se capita una disgrazia viene da pensare “ma perché proprio a me? Che vita ormai finita, sprecata”.
    A pensarci bene, cmq, se scrivi così è perché probabilmente qualche legnata dalla vita l’hai avuta anche tu….

    Piace a 1 persona

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.