Archivi tag: tutto sta

Sguardo implorante

L’uomo ci guarda con occhi che sembrano chiedere pietà: sgranati, lucidi, quasi imploranti.
È seduto davanti a noi, ma il suo corpo esprime la tensione della fuga, di chi vorrebbe alzarsi e andarsene il più lontano possibile per non ascoltare le parole che gli arrivano.
Quello sguardo mi è rimasto addosso, e mi segue da un paio di giorni, immagine universale del chiedere pietà alla vita, del chiedere di essere risparmiati da un dolore che schiaccia e sembra sopraffarci.
A volte la vita è implacabile.
Quello sguardo non mi lascia perché racconta dell’essere disarmati, vulnerabili, spaventati. Condizione umana, molto umana.
Quello sguardo vorrebbe consolazione e rassicurazione, vorrebbe sentirsi dire che andrà tutto bene, ma così non sarà.
Il suo dolore e il suo disorientamento arrivano dritti a noi che siamo lì con lui, ambasciatori che portano pena.
Come ricorda Marie de Hennezel, una psicologa francese, non si esce mai indenni da certe incursioni nella sofferenza altrui. Ed è bene che sia così.
Si esce con un senso di rispetto per l’essere umano sofferente, e di profonda consapevolezza di vita. Si esce con i piedi ben piantati in terra e nel quotidiano che accoglie. Si esce sentendo sulla pelle che quel dolore riguarda anche noi.
Stasera, però, sono al riparo. Qui, ora, tra le mie cose, con mio marito due stanze più in là, sono al riparo. Il presente sorride: composto, complesso, grave e leggero. Tutto sta.

Il sabato della città

Sabato è proprio una giornata a sé: la più bella della settimana, giusto per scomodare Leopardi.
Se poi il cielo è azzurro, terso, l’aria è fresca, la temperatura piacevole, allora è felicità.
Cammino e guardo chi incontro: una giovane donna in gravidanza, passo da ultimi mesi, cane al guinzaglio, marito accanto col giornale sottobraccio. Immagino la loro vita. Più avanti il dehors di California Bakery offre profumi di croissant e pancakes, vocio dei giovani del brunch, volti senza rughe e apparentemente senza pensieri, animati da conversazioni che non risuonano di gravità.
Una coppia anziana sottobraccio avanza tranquillamente, una famiglia con bambini piccoli cerca di tenere a bada il più grandicello sgambettante.
Le diverse età della vita. Io sento la mia, e ci sto bene.
Cammino con Geminiani nelle orecchie, l’IPhone in mano a raccogliere qualche pensiero, e la mia vita nel cuore. Quieta, profonda, fluisce come fiume placido. Che sa di essere, consapevole della sua forza.
Come sempre in momenti come questo, tutto sta. Presente con i suoi pesi e le sue leggerezze. Pesi e misure.
Pensieri nella testa, tanta vita nello sguardo, un nuovo aroma di caffè nella borsa. Sabato.